L’importanza della temperatura di servizio del vino

Quello della temperatura del vino al momento della sua degustazione è uno degli aspetti più importanti. A volte i vini vengono serviti a temperature inadeguate: i bianchi troppo freddi e i rossi troppo caldi. Esistono dei motivi fondamentali per i quali un determinato vino deve essere servito più freddo o più caldo di altri.

Come sappiamo il vino, parla soprattutto attraverso la sua stratificazione di aromi, che si trascina con sé a partire dalla vigna e via via lungo tutto il processo di lavorazione e affinamento.

Profumi e sapori tuttavia perdono la loro percezione ideale se serviti alla temperatura sbagliata. Più bassa ad esempio sarà la temperatura del vino e minore sarà la percezione dei profumi.  La temperatura di servizio del vino ideale per la corretta percezione e sviluppo dei suoi aromi varia solitamente fra gli 8° C e i 18° C. Nel caso di vini particolarmente corposi e tannici, così come le grandi riserve e i vini affinati per più di cinque anni in bottiglia, si può arrivare fino a 20° C. La temperatura influisce notevolmente anche sulla corretta percezione dei sapori.

Le temperature basse aumentano la percezione dei sapori amari e salati e diminuiscono quella dei sapori dolci. Nei vini rossi diminuiscono la percezione dell’alcool, infine la percezione del sapore acido è più gradevole.

Le temperature alte aumentano la percezione dei sapori dolci e diminuiscono quella dei sapori amari e salati. I vini rossi possono essere serviti ad una temperatura bassa, solo nel caso in cui non siano tannici, tipico esempio i vini rossi leggeri.

I vini bianchi giovani, freschi e aromatici possono essere serviti anche a 10° C mentre quelli meno aromatici a 12° C. Vini bianchi morbidi e maturi, affinati per due-tre anni in bottiglia, possono essere serviti fra i 12° C e i 14° C.

I vini rossi giovani poco tannici si servono tra i 14° C e i 16° C, mentre per quelli più corposi e tannici si può arrivare anche a 18° C. I vini affinati per anni in bottiglia, di corpo e ancora tannici a 20° C.

Gli spumanti bianchi dolci e aromatici vanno serviti ad una temperatura di 8° C. Gli spumanti dolci rossi,  possono essere serviti a temperature comprese fra i 10° C e i 12° C;  in questo caso gli spumanti più aromatici sopportano temperature più basse fino a 8° C mentre per quelli un po’ più tannici necessitano un aumento di  temperatura anche fino a 14° C.

Grazie a Wineplease sarà possibile regolare la temperatura delle vostre bottiglie e portarle a quella ideale per una degustazione perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *